«

»

Ott 28 2011

Stampa Articolo

Olivero a Rimini su invito di RnS, per parlare di cristiani, cittadini e credenti alla luce del Forum di Todi

Il Presidente Nazionale delle ACLI Andrea Olivero relatore al Palacongressi di Rimini,  all’Incontro di “Cultura della Pentecoste” alla luce del Forum di Todi.

Domenica 30 ottobre, alle h. 21.30, presso il Palacongressi di Rimini, nell’ambito della 35a Conferenza nazionale animatori RnS, si terrà un incontro di Cultura della Pentecoste sul tema “No, non dobbiamo affliggerci come chi non ha speranza (cf 1 TS 4, 13): una speranza che attira – dentro il presente – il futuro” (Spe salvi n. 7)”.
All’appuntamento si ritroveranno, per la prima volta, alcune tra le principali realtà presenti al Forum di Todi per continuare a riflettere sul prosieguo del cammino dopo il dialogo intrapreso lo scorso 17 ottobre. Partendo da alcune espressioni di Giovanni Paolo II, di Benedetto XVI e del card. Angelo Bagnasco, si discuterà su tematiche di rilevanza sociale per le quali si invoca un nuovo protagonismo del laicato aggregato in forza dei diversi carismi.
Alla tavola rotonda, moderata da Umberto Folena, caporedattore centrale di Avvenire, interverranno: Salvatore Martinez, presidente nazionale del Rinnovamento nello Spirito Santo (RnS); Maria Voce, presidente dei Focolari; Andrea Olivero, presidente nazionale delle Acli.
In sala, saranno presenti, tra gli altri: Raffaele Bonanni, segretario della Cisl; Franco Pasquali, coordinatore di Retinopera; Natale Forlani, portavoce del Forum delle persone e delle associazioni cattoliche del lavoro.
Salvatore Martinez presidente RnS: “Rilanciamo il nostro idealismo cristiano da cittadini e credenti”.
L’evento si svolgerà nell’ambito della 35a Conferenza nazionale animatori RnS, in programma da domani pomeriggio fino a martedì 1 novembre, sul tema “Pregate perché la Parola del Signore corra” (cf 2 Ts 3, 1), a cui prenderanno parte oltre quattro mila tra responsabili e animatori del Movimento provenienti da tutta Italia e dai Gruppi italiani presenti in Svizzera e Germania.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *