«

»

Dic 31 2018

Stampa Articolo

Famiglia vero modello di Dio

 

“O Dio, nostro Padre, che nella santa Famiglia ci hai dato un vero modello di vita, fa’ che nelle nostre famiglie fioriscano le stesse virtù e lo stesso amore, perché, riuniti insieme nella tua casa, possiamo godere la gioia senza fine.

Vangelo (Lc 2,41-52)

Dal Vangelo secondo Luca I genitori di Gesù si recavano ogni anno a Gerusalemme per la festa di Pasqua. Quando egli ebbe dodici anni, vi salirono secondo la consuetudine della festa. Ma, trascorsi i giorni, mentre riprendevano la via del ritorno, il fanciullo Gesù rimase a Gerusalemme, senza che i genitori se ne accorgessero. Credendo che egli fosse nella comitiva, fecero una giornata di viaggio, e poi si misero a cercarlo tra i parenti e i conoscenti; non avendolo trovato, tornarono in cerca di lui a Gerusalemme. Dopo tre giorni lo trovarono nel tempio, seduto in mezzo ai maestri, mentre li ascoltava e li interrogava. E tutti quelli che l’udivano erano pieni di stupore per la sua intelligenza e le sue risposte. Al vederlo restarono stupiti, e sua madre gli disse: «Figlio, perché ci hai fatto questo? Ecco, tuo padre e io, angosciati, ti cercavamo». Ed egli rispose loro: «Perché mi cercavate? Non sapevate che io devo occuparmi delle cose del Padre mio?». Ma essi non compresero ciò che aveva detto loro. Scese dunque con loro e venne a Nàzaret e stava loro sottomesso. Sua madre custodiva tutte queste cose nel suo cuore. E Gesù cresceva in sapienza, età e grazia davanti a Dio e agli uomini.

PER RIFLETTERE: La famiglia “modello Nazaret” non deve essere rimpianta, ma annunciata e testimoniata. La Festa della Santa Famiglia di Nazaret, collocata tra Natale e fine dell’anno, soprattutto quando capita a ridosso della grande festa laica dell’ultimo dell’anno, non è facile da celebrare. In questo periodo di feste religiose ravvicinate, di vacanze in montagna o ai tropici, di visite ai parenti e iniziative a raffica di associazioni e gruppi, in chiesa si ritrovano soltanto i più volenterosi. Ma anche portata in altri periodi dell’anno (come molte parrocchie fanno) non sarebbe facile lo stesso, perché di questi tempi la famiglia di Nazaret, e la famiglia “modello Nazaret”, cioè la famiglia cristiana, per l’aria che tira sembra un reperto storico, sia per quello che si dice da tutti i pulpiti politici, culturali, massmediali, sia per quello che si vede in concreto: convivenze, separazioni, divorzi, con accompagnamento di rancori e vendette, bambini contesi e offesi, oppure prodotti in uteri in affitto per genitori di diverse tipologie. Noi, però, non possiamo rinunciare alla festa, perché quella liturgica non è allegria o baldoria, ma celebrazione della realtà, anche e forse soprattutto di quella sofferente. Non lasciamoci, perciò, condizionare o vincere da sentimenti umanamente comprensibili, ma poco consoni a chi è chiamato non a lamentarsi di come va il mondo, ma a impegnarsi affinché i suoi figli tornino al Padre. Per troppo tempo noi cristiani ci siamo affidati alle leggi dello Stato che impedivano il divorzio, e alla mentalità della gente che scoraggiava le convivenze al di fuori del matrimonio, dispensandoci da una seria e intelligente evangelizzazione. Come sempre, la storia ci dà la sveglia, ricordandoci che la consegna di Gesù non è stata di lamentarci del “mondo che non ci conosce: perché non ha conosciuto lui”, ma di evangelizzarlo, affinché conosca lui e quello che noi proponiamo in suo nome. Questo è il tempo di riproporre il progetto di Dio sulla famiglia con una evangelizzazione efficace e precisa. Troppo spesso il nostro annuncio sulla famiglia “modello Nazaret” è stato debole, convenzionale, retorico, come se essa fosse come quella dei presepi. Il brano di vangelo che ascoltiamo in questa domenica ci ricorda che non è così, parlandoci di due genitori “angosciati” che cercano il figlio da tre giorni e che, quando lo ritrovano, “non comprendono le sue parole”. Questa famiglia non era sorta in maniera tranquilla come nei quadri, ma aveva richiesto a Maria e Giuseppe una grande fede e un’incredibile capacità di scelte controcorrente rispetto a quelle umane. Poi tante prove tutte in salita: il parto fuori casa, la fuga in un paese straniero, il ritorno in patria non scevro da preoccupazioni. E il tutto con un figlio da nutrire e da far crescere con impegno e fatica come tutti i figli. Una famiglia così, capace di un amore “unico, fedele, per sempre”, può nascere soltanto da una scelta di fede. È questa scelta che dobbiamo stimolare, con la consapevolezza che essa può nascere soltanto dal coraggio di remare controcorrente, sostenuto dalla certezza che «nulla è impossibile a Dio» (Lc 1,37); che può reggere soltanto sull’impegno a osservare il suo comandamento: «che crediamo nel nome del Figlio suo Gesù Cristo e ci amiamo gli uni gli altri»; e che può essere convincente e attraente con la testimonianza di cristiani che, vivendo questo progetto con gioia, possano dimostrarne la giustezza e la bontà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *